BacalàFest 2018: la gustosa e divertente gara amatoriale chiude la kermesse

BacalàFest 2018: la gustosa e divertente gara amatoriale chiude la kermesse

Si svolgerà domani sera l’evento di chiusura del BacalàFest 2018. Mercoledì 11 aprile, infatti, al Ristorante Alla Lanterna (Str. Adriatica Sud – Fano, PU / tel. 0721.884748), la serata sarà dedicata alla 9° Disfida Nazionale Cuochi Amatoriali: una gara di cucina molto divertente, durante la quale, otto cuochi “per hobby”, otto tra casalinghe, dirigenti, operai, pensionati con la passione della cucina si sfideranno a colpi di merluzzo, baccalà o stoccafisso che sia.

La serata conclude il BacalàFest, Festival del Baccalà e dello stoccafisso nelle Terre di Pesaro e Urbino e delle  Marche, una manifestazione nata con lo scopo di valorizzare e promuovere la gustosissima tradizione italiana del merluzzo e delle sue due migliori declinazioni, baccalà e stoccafisso, uno degli alimenti più consumati, salutari e versatili in cucina, un tempo considerato “povero”, oggi presente, con le molteplici preparazioni, in tutti i menù dei ristoranti più rinomati.

Vinta lo scorso anno dal “Baccalà dei Dorici” (o meglio Δωριέων Βακαλάος), preparato dalla greca, per precisione spartana,Crissa Kulurianu e da sua figlia Martina, la disfida sarà, anche quest’anno, un’occasione per conoscere di più e meglio le radici culturali di una tradizione locale centenaria che ogni anno invade le nostre tavole. Durante la serata, dunque, cuochi amatoriali, provenienti da diverse regioni italiane, si sfideranno cucinando, per la giuria tecnica e per quella popolare composta dal pubblico presente in sala, ognuno la sua personale ricetta di baccalà o stoccafisso: a colpi di merluzzo, dunque, ne resterà soltanto uno e la sua ricetta sarà la migliore del territorio.

Per prenotare posti alla cena, è possibile chiamare il n. 0721-884748.

INFO: www.saporiearomi.info – segreteria@saporiearomi.info – 392.9930653 – 338.8328092

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK: https://www.facebook.com/aromidautunno/

Lo Stoccafisso di Osimo si aggiudica la 9° Disfida Nazionale Cuochi Professionisti

Lo Stoccafisso di Osimo si aggiudica la 9° Disfida Nazionale Cuochi Professionisti

Si è svolta ieri sera, al Ristorante Alla Lanterna di Fano, la prima delle due serate di gara del BacalàFest: la 9° “Disfida Nazionale Cuochi professionisti”. Una competizione che ha visto gareggiare, a colpi di merluzzo, baccalà o stoccafisso a seconda delle scelte dei singoli chef, 7 ricette che hanno sfidato l’antica tradizione di un piatto tipico locale che, da sempre, unisce il mare alla collina.
Vincitore del 1° Premio assoluto, il piatto “Cilindro ai profumi del tempo passato”, unico stoccafisso in gara (le altre 6 erano tutte ricette a base di baccalà) creazione di Maria Beatrice Fenucci e Alessandro Palma, chef del ristorante Uva (Osimo – AN), un cannellone ripieno sormontato da uno stoccafisso alla moda anconetana al fiore di rosmarino, dalla preparazione e gusto perfetto e da ingredienti di prima scelta e ben amalgamati, che ha messo d’accordo le due giurie, quella tecnica, composta da esperti gastronomi e giornalisti di settore, e quella popolare, composta da tutti gli ospiti presenti alla serata.
Il migliore, e primo classificato tra i sei baccalà in gara è stato, invece, il “Baccalà d’alta valle”, ricetta di Daniele Forlucci, chef dei ristorante La Braverja di Urbania – PU. Un piatto semplice, composto da un tortino di patate di Sompiano, un carciofo e una cipollina in agrodolce che facevano, però, da contorno ad una prelibatezza rara da assaggiare: un profumatissimo baccalà gaspè.

I premi speciali della giuria tecnica sono andati invece a: “Baccalà alla mela verde”, una ricetta lontana dalla tradizione ma, che ha saputo unire sapori apparentemente in contrasto tra loro con grande maestria, creazione dello chef Cataldo Giaconella del ristorante Le Tre Volte di Torremaggiore – FG che vince il premio “Fedeltà”; “Baccalà tra mare e terra” dello chef Cristian Sartori, ristorante Arcimboldo – Canavaccio di Urbino – PU si aggiudica, invece, il premio “Creatività”.

Si svolgerà, invece, mercoledì 11 aprile, la seconda, ed ultima, gara che caratterizza il BacalàFest: la 9° Disfida Internazionale Cuochi Amatoriali durante la quale a gareggiare saranno otto cuochi “per hobby”, otto tra casalinghe, dirigenti, operai, pensionati con la passione della cucina…e del merluzzo.

Le iscrizioni per i concorrenti alla divertente gara amatoriale sono ancora aperte e i contatti per potersi iscrivere sono i seguenti: 338.8328092 oppure giorgio.sorcinelli@libero.itPer prenotare, invece, posti per la cena dell’11 aprile, è possibile chiamare il Ristorante Alla Lanterna al numero 0721-884748.

Inoltre, fino al 30 marzo, è ancora possibile partecipare al “GiroBacalà”: tour gastronomico alla scoperta delle migliori declinazioni di stoccafisso e baccalà nei ristoranti marchigiani. “Girovagando dal monte al mare”, come recita il sottotitolo dell’evento, i “viandanti dei sapori” potranno gustare ricette diversedi baccalà o stoccafisso in altrettanti ristoranti marchigiani al prezzo convenzionato (giorni e menù a scelta degli operatori) di 14 € (per il baccalà) e 17 € (per lo stoccafisso).

La manifestazione, che conclude il programma di Sapori e aromi d’autunno, è promossa e organizzata di Viandanti dei Sapori, con la collaborazione di enti e associazioni del territorio, con lo scopo, non lucrativo, di valorizzare i prodotti e le varie cucine del territorio a base di baccalà e stoccafisso.

La 9° Disfida Cuochi Professionisti slitta al 20 marzo

La 9° Disfida Cuochi Professionisti slitta al 20 marzo

Doveva svolgersi questa sera, mercoledì 28 febbraio, la prima delle gustose gare in programma nel contesto dell’edizione 2018 del Festival del Baccalà e dello Stoccafisso nelle Terre di Pesaro e Urbino.
La 9° “Disfida Nazionale Cuochi professionisti”, invece, a causa della neve e delle temperature polari portate da Burian in questi giorni su tutto il territorio, si svolgerà il prossimo martedì 20 marzo sempre al ristorante Alla Lanterna (Str. Adriatica Sud – Fano, PU / tel. 0721.884748), presso il quale è già possibile prenotare. La serata vedrà scontrarsi tra loro 4 piatti di stoccafisso e 4 piatti di baccalà più o meno tradizionali, davanti a due giurie che avranno il compito di decidere il vincitore: la prima, quella tecnica, composta da esperti gastronomi, giornalisti di settore, e rappresentati Ais; la seconda, quella popolare, sarà composta da tutti gli ospiti presenti alla serata che, al termine della cena potranno dire la loro votando ogni singola ricetta.
Sarà, poi, spostata a mercoledì 11 aprile la seconda, ed ultima, gara che caratterizza il BacalàFest: la 9° Disfida Internazionale Cuochi Amatoriali durante la quale a scontrarsi saranno otto cuochi “per hobby”, otto tra casalinghe, dirigenti, operai, pensionati con la passione della cucina…e del merluzzo.

A causa delle avverse condizioni meteo di questi giorni,
l’organizzazione ha deciso di RIMANDARE, a data da destinarsi,
la 9° DISFIDA CUOCHI PROFESSIONISTI che si sarebbe dovuta svolgere
MERCOLEDI’ 28 FEBBRAIO.
Si cercherà di comunicare la nuova data nel più breve tempo possibile.
“BacalàFest”: mercoledì 28 la Disfida Nazionale Cuochi Professionisti

“BacalàFest”: mercoledì 28 la Disfida Nazionale Cuochi Professionisti

Si svolgerà il prossimo mercoledì 28 febbraio la prima delle gustose gare in programma nel contesto dell’edizione 2018 del Festival del Baccalà e dello Stoccafisso nelle Terre di Pesaro e Urbino. E’ la 9° “Disfida Nazionale Cuochi professionisti” che, nonostante le sferzate che Burian pare voglia riservarci, vedrà scontrarsi tra loro 4 piatti di stoccafisso e 4 piatti di baccalà più o meno tradizionali, a seconda delle ricette che verranno proposte dai singoli chef. Due le giurie che avranno il compito di decidere qual è il migliore. La prima, quella tecnica, composta da esperti gastronomi, giornalisti di settore, e rappresentati Ais; la seconda, quella popolare, sarà più numerosa perché composta da tutti gli ospiti presenti alla serata. Un’occasione da non perdere, dunque, per diventare giurato per un giorno. A colpi di merluzzo, dunque, ne resterà soltanto uno e la sua ricetta sarà la migliore del territorio. La gara si svolgerà al ristorante Alla Lanterna (Str. Adriatica Sud – Fano, PU / tel. 0721.884748), presso il quale è già possibile prenotare per far parte della giuria popolare, gustare le proposte degli chef e decidere chi sarà il vincitore.
In attesa dello spettacolo del 28 febbraio prossimo, potete già cominciare a godervi, fino al 30 marzo, anche il tour gastronomico “GiroBacalà”: un viaggio alla scoperta delle migliori declinazioni di stoccafisso e baccalà nei ristoranti marchigiani per valorizzare la tradizione di uno degli alimenti più consumati, salutari e versatili in cucina: il merluzzo. “Girovagando dal monte al mare”, come recita il sottotitolo dell’evento i “viandanti dei sapori” potranno, dunque, gustare ben venti ricette diverse di baccalà o stoccafisso in altrettanti ristoranti di tre provincie marchigiane (Pesaro e Urbino, Ancona e Macerata) al prezzo convenzionato (giorni e menù a scelta degli operatori) di 14 € (per il baccalà) e 17 € (per lo stoccafisso).

Qui la lista completa dei ristoranti aderenti all’iniziativa

INFO GENERALI: www.saporiearomi.info – segreteria@saporiearomi.info – 392.9930653 – 338.8328092
SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK: https://www.facebook.com/aromidautunno/
INFO PER LE DISFIDE: 0721 884748

E’ cominciato il conto alla rovescia per BacalàFest

E’ cominciato il conto alla rovescia per BacalàFest

Arriva anche quest’anno, nelle terre di Pesaro e Urbino, il BacalàFest – Festival del Baccalà, dello Stoccafisso e dell’Olio.

La manifestazione ha, da anni ormai, lo scopo di valorizzare e consolidare la tradizione di uno degli alimenti più consumati, salutari e versatili in cucina, il baccalà o stoccafisso, piatti “una volta poveri” della tradizione culinaria locale, regionale e nazionale di mare e di terra che si sposa con l’olio extravergine di oliva, principe della cucina e intende promuoverne il consumo con un evento popolare dedicato sia agli amanti di questo gustoso piatto che ai giovani e ai curiosi che hanno voglia di scoprire le radici gastronomiche del territorio.

La manifestazione prevede due distinti appuntamenti:
– il GIROBACALA’ – Girovagando dal monte al mare, un percorso gastronomico nei ristoranti delle Terre di Pesaro e Urbino alla scoperta della versatilità di baccalà e stoccafisso (Periodo dal 15 febbraio al 30 marzo 2018 – si consiglia di prenotare nelle singole strutture aderenti);
– i CONCORSI GASTRONOMICI – STOCCAFISSO & BACCALA’: due gare culinarie la prima delle quali si svolgerà Mercoledì 28 febbraio al Ristorante Alla Lanterna e vedrà sfidarsi chef professionisti provenienti da tutta Italia mentre, la successiva, ospitata sempre all’interno del ristorante Alla Lanterna, vedrà un testata a testa tra cuochi amatoriali e si svolgerà Martedì 20 marzo.
(Per info e prenotazioni chiamare lo 0721 884748. Prenotazioni fino ad esaurimento posti)

l’Oro delle Marche 2017

l’Oro delle Marche 2017

I migliori oli in vetrina al Codma di Fano per l’ultima domenica di Sapori e Aromi d’Autunno

Si sono svolte domenica 26 novembre, nella sala riunioni del Codma, in occasione della 30^ edizione di Sapori e Aromi d’Autunno, le premiazioni degli oli partecipanti al 18° Concorso regionale degli oli di oliva L’Oro delle Marche 2017.
Il Premio è promosso e organizzato da OLEA, con il patrocinio del Comune di Fano, dell’Assemblea Legislativa della ragione Marche e della Provincia di Pesaro e Urbino.
Alla presenza dei produttori e delle autorità locali e regionali, sono stati assegnati i premi alle aziende meritevoli che, con i loro oli, hanno ottenuto i primi posti a questa che è la più importante rassegna regionale del settore. Oltre agli organizzatori di OLEA e dei Viandanti dei Sapori, erano presenti il Vice sindaco di Fano Stefano Marchegiani, l’Assessore alle attività produttive Carla Cecchetelli, l’Assessore alle Politiche Sociali Marina Bargnesi, il presidente dei Viandanti dei Sapori Francesco Fragomeno, Renzo Ceccacci Presidente di OLEA e del concorso ed Ettore Franca, direttore del concorso.
Nel corso della cerimonia è stata altresì consegnata la simbolica bottiglia dell’Olio della Solidarietà, a favore della Mensa di San Paterniano dell’Opera Padre Pio di Fano, alla quale OLEA dona, a nome dei produttori delle Marche e d’Italia, gli oli dei concorsi L’Oro delle Marche e L’Oro d’Italia 2017. Presente la sig.ra Laura Cecconi responsabile dell’ente.

I 117 oli iscritti al concorso sono stati valutati da una Commissione giudicatrice diretta da Giorgio Sorcinelli, Capo panel del Comitato di assaggio professionale OLEA. La giuria è composta da 21 assaggiatori professionisti di decennale esperienza e affidabilità, i quali hanno selezionato, nel corso delle 3 giornate di assaggi, gli oli in gara. Dopo l’elaborazione di tutte le schede di valutazione e di tutti i dati, mediante apposito software elaborato da OLEA e dotato di opportuni autocontrolli, sono elaborate e stilate le graduatorie. Tutte le operazioni di valutazione si sono svolte con la massima riservatezza e in maniera anonima, sotto la supervisione e il controllo di un pubblico ufficiale nella persona del dott. Costantino Piermaria, funzionario del Servizio agricoltura della Regione Marche, in veste di garante delle operazioni concorsuali.

La qualità generale degli oli di questa campagna olearia 2017, è risultata altissima, rispetto alle ultime annate risultate sfavorevoli dal punto di vista quantitativo e sanitario delle olive prodotte.
Una campagna sicuramente da ricordare negli annali della olivicoltura regionale come una delle migliori.

Risultano pervenuti n. 117 (centodiciassette) campioni di olio, distinti nelle due sezioni (Olivicoltori e Oleifici), ulteriormente suddivise nelle due tipologie (Monocultivar e Blend):

  1. olivicoltori (103 campioni) di :
  • monocultivar (73 campioni)
  • blend (30 campioni)
  1. oleifici (14 campioni)
  • monocultivar (7 campioni)
  • blend (7 campioni)

Ognuna di queste tipologie ha dato vita, a tre graduatorie nelle categorie di fruttato leggero, medio e intenso. Alla fine dei lavori il garante del concorso ha proceduto alla decodifica degli oli anonimizzati, approvando le graduatorie. Pertanto, in chiaro, la classifica, risulta essere:

Sezione OLIVICOLTORI, Tipologia BLEND, Categoria FRUTTATO LEGGERO:

premio azienda comune prov.
Fattoria Di Sebastiano Castelbellino AN
Az. agr. Maria Cristina Orioli Montecosaro MC
Az. agr. Nello Tanfani Orciano di Pesaro PU

Sezione OLIVICOLTORI, Tipologia BLEND, Categoria FRUTTATO MEDIO:

premio azienda comune prov.
Az. agr. “I Tre Filari” Recanati MC
Montecappone s.a.r.l. Jesi AN
Soc. agr. Muròla s.r.l. Urbisaglia MC

Sezione OLIVICOLTORI, Tipologia MONOCULTIVAR, Categoria FRUTTATO LEGGERO,

premio azienda comune prov.
Az. agr. Silvano Marconi San Marcello AN
Tenuta 100 Torri Ascoli Piceno AP
Az. agr. Giuliano Berloni Colli al Metauro PU

Sezione OLIVICOLTORI, Tipologia MONOCULTIVAR, Categoria FRUTTATO MEDIO,

premio azienda comune prov.
Az. agr. Giorgio Tonti San Marcello AN
Az. agr. Mirta Manizza Senigallia AN
Az. agr. Mazzola Senigallia AN

Sezione OLIVICOLTORI, Tipologia MONOCULTIVAR, Categoria FRUTTATO INTENSO,

premio azienda comune prov.
Poldo Service Castelfidardo AN
Az. agr. “I Tre Filari” Recanati MC
Soc. agr. Il Conventino di Monteciccardo s.a.s. Monteciccardo PU

Sezione OLEIFICI, Tipologia BLEND, Categoria FRUTTATO LEGGERO:

premio azienda comune prov.
Az. agr. Luca Gregorini Ostra Vetere AN
Zenobi Livio s.n.c. Pesaro PU
Frantoio Oleario Andrea Marcolini Monteciccardo PU

Sezione OLEIFICI, Tipologia BLEND, Categoria FRUTTATO MEDIO:

premio azienda comune prov.
Agostini Alfredo s.n.c. Petritoli FM
Oleificio Montenovo s.n.c. Ostra Vetere AN
L’Olivaio s.r.l. Frantoio Oleario Castelleone di Suasa AN

Sezione OLEIFICI, Tipologia MONOCULTIVAR, Categoria FRUTTATO MEDIO:

premio azienda comune prov.
Oleificio Fratoni della C.E.L.O.DE.F. Ascoli Piceno AP
Agostini Alfredo s.n.c. Petritoli FM
L’Olivaio s.r.l. Frantoio Oleario Castelleone di Suasa AN

 

 

ULTIMA DOMENICA DI GUSTO AL CODMA e…chiusura col botto!

ULTIMA DOMENICA DI GUSTO AL CODMA e…chiusura col botto!

Ultima occasione, domenica 26, per visitare la XXX° edizione di Sapori e Aromi d’Autunno

Un successo di pubblico clamoroso, quello che la scorsa domenica ha animato l’apertura di Sapori e Aromi d’Autunno al Codma di Fano. Complice anche la bellissima giornata di sole, il Salotto del Gusto Made in Marche ha registrato il sold out per tutti gli incontri, presentazioni di libri e degustazioni comprese, mentre l’anello del Codma ha ospitato, insieme alle migliori eccellenze marchigiane, ai produttori della Regione e i commercianti più qualificati, migliaia di curiosi.

Domenica 26, seconda ed ultima domenica della manifestazione, Sapori e Aromi d’Autunno apre i battenti alle 10.00 ospitando la 4^ CAMMINATA “Gusto & Cuore”, a cura della Società Olympia Ginnastica e Fondazione Lotta all’Infarto Pesaro. Un percorso di circa 5 km completamente pianeggiante, dunque abbastanza facile, la cui finalità è quella di promuovere i benefici del movimento, il benessere fisico e la prevenzione delle malattie cardiovascolari. Un apasseggiata a perta a tutti, soprattutto alle famiglie e ai bambini il cui percorso, Codma – Chiaruccia – Bellocchi – Codma, si concluderà con una merenda a base di pane olio (si prega,chi volesse partecipare, di presentarsi al codma qualche minuto prima delle 10.00 per formalizzare l’iscrizione GRATUITA). Alle 10.30, invece, la sala riunioni del Codma, ospiterà, come da tradizione, l’Olio della Solidarietà: la consegna, per conto dei produttori italiani, a S.E. Armando Trasarti, Vescovo di Fano, della bottiglia di oli a favore della Mensa Opera Padre Pio di Fano. A seguire, nella stessa sede, si svolgerà la cerimonia di premiazione de L’oro delle Marche 2017 che, come ogni anno, incorona i migliori produttori marchigiani di olio.

Si apre, invece, alle 16.oo il programma del Salotto del Gusto. Il primo appuntamento prevede la presentazione del libro “Racconti di Marche – 10 classifiche, 100 idee per scoprire la regione in maniera insolita” (Giaconi editore): <Sui vari portali di viaggio – racconta Nadia Stacchiotti, blogger e autrice del volume che per l’occasione sarà intervistata dal giornalista Alfredo Antonaros – mi incantavo nel leggere le città da visitare almeno una volta nella vita, i borghi più belli d’Italia, le spiagge dove trovare il mare più cristallino in cui tuffarsi e così via. Ovviamente in queste classifiche le Marche non c’erano quasi mai (a parte quelle dei borghi)! E così ho provato a realizzare classifiche tutte marchigiane cercando di inserire gli aspetti più curiosi e meno conosciuti della nostra Regione>.

Due le degustazioni guidate che alle quali si potrà partecipare gratuitamente negli spazi del Salotto del Gusto dalle 16.30 in poi:
Bell’ascolana l’oliva ascolana del Piceno DOP Conosciamola e assaggiamola.
 A cura di Leonardo Seghetti, Presidente O.L.E.A.
PresentiamOli Degustazione guidata dei migliori oli del Premio L’Oro delle Marche ‘17.
A cura di Renzo Ceccacci, Presidente O.L.E.A.

La XXX° edizione di Sapori e Aromi d’Autunno si chiuderà, infine, con…il botto!
Dalle 18.15 in poi, infatti, l’organizzazione ha previsto un grande brindisi di arrivederci al 2018 con le bollicine di Az. Agr. Bruscia
Azienda Agraria Guerrieri Az. Agr. Mariotti, il pane delle Fornerie Longhini, l’olio de L’oro delle Marche, il pecorino Il Botticello di Bilancioni e i salumi dell’Az. Agr. Roberti (a cura del Sommelier
Raffaele Papi AIS Montefeltro).

Sapori e Aromi fa 30!

Sapori e Aromi fa 30!

Anche quest’anno Fano torna a profumarsi d’autunno. Si apre, infatti, al CODMA di Rosciano di Fano, domenica 19 novembre alle ore 10.00, la XXX° edizione di Sapori e Aromi d’Autunno – Il Salotto del Gusto: manifestazione enogastronomica che mette in vetrina le eccellenze marchigiane, i migliori produttori della Regione e i nostri commercianti più qualificati. In concomitanza con il taglio del nastro, che inaugurerà ufficialmente la manifestazione si svolgerà, come da tradizione, la consegna dei riconoscimenti per il Premio Marche Nostre (27^ edizione), conferito ogni anno ad aziende, personalità della cultura, operatori ed esperti, distintisi nel campo della produzione e valorizzazione agro-alimentare o a personalità che hanno contribuito alla buona riuscita della manifestazione. L’organizzazione è curata dai Viandanti dei Sapori in collaborazione con O.L.E.A.
Un centinaio le aziende che partecipano alla kermesse con prodotti del territorio: formaggi, tartufi, vini, salumi, oli, pane e pasta, funghi, confetture e particolarità gastronomiche di ogni tipo e che riempiranno quello che per l’occasione tutti chiamano Salotto del Gusto, insieme ad una lunga serie di appuntamenti che arricchiscono il programma. In particolare: EXPOLEA / Il Gran Galà dell’Olio, che comprende le premiazioni del 18° concorso regionale degli oli extravergini di oliva “L’Oro delle Marche”, Pane & Olio in Piazza, L’Olio della Solidarietà, consistente nella donazione alla mensa Padre Pio di Fano, da parte di OLEA e a nome dei produttori italiani, degli oli del Premio nazionale L’Oro d’Italia 2017 e la 30° mostra micologica regionale. Degustazioni tematiche, assaggi guidati, musica ed intrattenimenti, completeranno l’evento. Si ripete anche l’esperienza della Tenda del Cuore a cura della “Fondazione Lotta all’Infarto” e “Fanocuore”, nonché la quarta edizione de la Camminata “Gusto e Cuore” con la partecipazione dell’A.S.D. Olympia Ginnastica e alcune associazioni sportive del territorio.
Tra le novità della XXX° edizione ci saranno workshop nel Salotto del Gusto dedicati ai prodotti e alla cucina, spazi di Educazione al Gusto per grandi e piccini.

Sapori e Aromi proseguirà con l’appendice invernale BACALA’FEST comprendente la 9° edizione del concorso gastronomico internazionale e nazionale La DisfidaStoccafisso & Baccalà” per i professionisti e per gli amatori, la serata gastronomica “Il Baccalà è servito” al Ristorante Montecucco di San Giorgio di Terre Roveresche e GiroBacalà, una maratona gastronomica nel territorio provinciale che coinvolge numerosi ristoranti.

Anche la cultura quest’anno farà coppia con l’enogastronomia. Si rinnova e si rafforza, infatti, la collaborazione con le scuole del territorio a partire da quelle di primo grado, con la presenza della scuola primaria “F. Tombari” di Bellocchi, fino ad arrivare ai gradi superiori con la presenza dell’Istituto Agrario “A. Cecchi” di Pesaro che porta in fiera i prodotti del lavoro agrario dei ragazzi (oli e vini) e del Liceo artistico “A. Apolloni” di Fano che ha curato una mostra ispirata proprio ai sapori marchigiani dell’autunno. Due, inoltre, gli appuntamenti con le presentazioni di libri. Il primo, domenica 19 alle 16.45, vedrà protagonista la cucina locale con “Urbino a Tavola”, a cura del gastronomo Rolando Ramoscelli e del giornalista Gianfilippo Centanni. L’altro, previsto per domenica 26 alle 16.00, metterà a fuoco le particolarità e le meraviglie della nostra regione. Si intitola “Racconti di Marche10 classifiche, 100 idee per scoprire la nostra Regione” e sarà presentato dall’autrice Nadia Stacchiotti intervistata dal giornalista e gastronomo Alfredo Antonaros. <“Sapori e Aromi d’Autunno anche quest’anno trasformerà il CODMA, e Fano tutta, in un vero “Salotto del Gusto”. Così Giorgio Sorcinelli, direttore e coordinatore della manifestazione, introduce la nuova edizione: “Questa è, infatti, una manifestazione che abbraccia il panorama dei migliori prodotti agricoli ed enogastronomici marchigiani, un evento culturale ed economico tra i più importanti della Regione, che rivolge l’attenzione alla qualità, consiglia regole per una sana alimentazione, favorisce la cultura alimentare e i consumi consapevoli. Quest’anno festeggiamo il trentennale, un traguardo importante per una manifestazione che vuole dare lustro alla nostra meravigliosa Terra Marchigiana e alle sue produzioni, spesso fiore all’occhiello del gusto Made in Italy e soprattutto…Marche”.
“Abbiamo sempre pensato a Sapori e Aromi d’Autunno – aggiunge Francesco Fragomeno, Presidente dei Viandanti dei Sapori – come una manifestazione capace di fare rete tra produttori di qualità e consumatori curiosi. Evidentemente avevamo ragione: siamo arrivati ad organizzare la 30° edizione avendo sempre l’appoggio di associazioni ed aziende del territorio e potendo contare su una vasta partecipazione di pubblico”.
Come la scorsa edizione, anche quest’anno sarà riservata particolare attenzione alle popolazioni colpite dal sisma 2016, ospitando, come gesto di solidarietà, in spazi espositivi gratuiti associazioni ed aziende agricole di quei territori ed in particolare dei comuni di: Castelsantangelo sul Nera (Mc), Arquata del Tronto (Ap), Castelluccio di Norcia e Preci (PG), in una sorta di fil rouge che unisce, proprio con sapori e aromi, le due regioni Marche e Umbria.
Buon 30° compleanno a Sapori e Aromi d’Autunno – una tra le manifestazioni più imitate d’Italia!